VANGELO

Dal Vangelo secondo GiovanniGv 10,11-18

In quel tempo, Gesù disse: «Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

Commento

Il Primo Testamento aveva annunciato, soprattutto con il profeta Ezechiele, la venuta di un pastore che si sarebbe preso cura del popolo di Dio, anzi, questo pastore sarebbe stato Dio stesso.

L’evangelista Giovanni, partendo dalla figura del pastore ‘bello’, perché ‘buono’, rivela il cuore della missione di Gesù, il modo con cui essa si realizza e il frutto della sua opera, che consiste nella salvezza di tutti coloro che il Padre gli ha affidati e nella costituzione del nuovo popolo di Dio.

Anzitutto, Gesù, dicendo “io sono il ‘pastore’, quello ‘bello’”, mentre realizza la profezia di Ezechiele, collega se stesso a Dio, prendendo il suo stesso nome.

Subito ne dà anche la prova: “sono il buon pastore, perché io do la mia vita”.

Per sottolineare la verità di ciò che rivela, evidenzia la diversità con i pastori prezzolati, che si mettono alla guida degli altri solo per i propri interessi e che di fronte all’assalto dell’avversario, Satana, fuggono. Lui invece non solo non fugge e non fuggirà, ma affronterà il nemico degli uomini e si consegnerà alla morte, per raccogliere i figli di Dio dispersi e riunirli in un solo popolo.

Perché Gesù si comporta in questo modo? Perché il Padre ama gli uomini, li vuole rendere suoi figli ad immagine del Figlio unigenito, per questo ha mandato proprio il Figlio nel mondo, per salvarlo, e ha messo nelle sue mani tutti gli uomini da riscattare, i quali per questo gli appartengono, sono parte di lui, suoi fratelli. E lui li conosce, li ama, condivide con loro la sua vita, quella che il Padre gli ha dato.

Ancora, Gesù stabilisce un paragone tra il rapporto che lui ha con il Padre e quello che ha con i suoi fratelli: il rapporto di amore di Gesù con il Padre è la causa dell’amore per i fratelli, ma c’è di più, perché quello che ha con noi è un rapporto della stessa natura, perché arriva a condividere tutto, anche la vita divina.

I primi appartenenti alla famiglia di Dio provengono dal recinto di Israele, ma anche i pagani appartengono a Gesù: lui ha il compito di rivelarsi anche a loro, affinché essi credano in lui, lo seguano ed entrino così a far parte del nuovo popolo di Dio, che è uno perché ha un solo pastore e una sola origine, il Padre.

Il Signore Gesù opera tutto questo in obbedienza al Padre e in piena libertà personale di fronte agli uomini: non sono essi a ‘consegnare’ Gesù alla morte (come preferiscono dire i sinottici), ma è lui stesso che 'consegna' la propria vita per poi ‘riprenderla’, passando attraverso la croce, e per farne dono ai suoi fratelli. Con questo Gesù celebra al massimo grado la sua libertà umana e divina, la libertà di obbedire all’amore infinito del Padre con il proprio amore, che proprio così si manifesta anch’esso infinito.

Spunti per la meditazione e la preghiera personale

  1. L'immagine del pastore può essere piacevole, di meno quella del gregge e della pecora. Ma noi facciamo l'esperienza di lasciarci guidare da Gesù, perché abbiamo visto che ci ama?
  2. Il Signore dice di conoscerci. E chi appartiene a lui lo conosce. Noi crediamo di conoscere il Signore, ma san Giovanni ci mette in guardia: “Chi dice: «Lo conosco», e non osserva i suoi comandamenti, è bugiardo...” (1Gv 2,4). Solo chi ama i fratelli conosce davvero Gesù e gli appartiene.
  3. Non tutti gli uomini sono nella Chiesa, ma tutti appartengono al Signore. Gesù desidera che noi gli prestiamo mente, cuore, mani e piedi, per condurre a lui quelli che non lo conoscono.
  4. In questo abbiamo conosciuto l’amore, nel fatto che egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli” (1Gv 3,16). Ce ne dobbiamo ricordare quando abbiamo la tentazione di pensare: “ho già fatto fin troppo... e quindi ora ho diritto di pensare a me

Questo sito utilizza cookie atti a migliorare la navigazione degli utenti.
Chiudendo questo banner tramite il pulsante "ACCETTA" e proseguendo la navigazione sul sito se ne autorizza l'uso in conformità alla nostra Cookie Policy