VANGELO

Dal Vangelo secondo LucaLc 10,25-37

In quel tempo, un dottore della Legge si alzò per mettere alla prova Gesù e chiese: «Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?». Gesù gli disse: «Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?». Costui rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso». Gli disse: «Hai risposto bene; fa’ questo e vivrai». Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: «E chi è mio prossimo?». Gesù riprese: «Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gèrico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levìta, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all’albergatore, dicendo: “Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno”. Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?». Quello rispose: «Chi ha avuto compassione di lui». Gesù gli disse: «Va’ e anche tu fa’ così».br />Parola del Signore.

Commento

È una parabola da contemplare in ginocchio, perché è un cardine della vita cristiana e soprattutto perché il samaritano è Gesù e il poveretto mezzo morto, oltre che l’umanità intera, è proprio ciascuno di noi. Il dottore della Legge vuole mettere alla prova Gesù, che invece lo smaschera, facendo dare a lui stesso la risposta giusta. Poi, invece di accogliere l’invito a vivere la verità, che già conosceva, e che Gesù gli ha confermato, egli lancia un'altra domanda, chiedendo a Gesù la definizione di prossimo, che per gli ebrei comprende gli appartenenti al popolo di Israele.

La parabola con cui Gesù risponde ha quattro nuclei: il quasi morto, il sacerdote e il levita, il samaritano, l’albergo e l’albergatore. Il ferito è, semplicemente, un uomo, e tanto basta; è chiunque, senza alcuna etichetta o distinzione; rappresenta l’umanità, e ogni uomo, che rischia di perdere la vita, temporale o eterna.

Il sacerdote e il levita sono 'uomini di chiesa', incarnano coloro che conoscono la Legge, servono Dio nel tempio, insegnano a distinguere il bene dal male, ma considerano la purità legale più importante della vita di un fratello. Non si fanno prossimo di nessuno e sono chiusi nel loro ruolo, incapaci di provare compassione, misericordia e amore, sentimenti e scelte che caratterizzano il cuore stesso di Dio. Il samaritano, straniero ed eretico, quindi disprezzato da tutti, è colui che salva il malcapitato, spendendo amore compassionevole, tempo e denaro, cioè la sua vita. Anche lui ha i suoi impegni, le sue convinzioni, i suoi progetti. Ma di fronte a un uomo ferito, mette tutto da parte. Lo porta all’albergo e lo cura, lui personalmente, magari passando la notte al suo capezzale.

Il samaritano è Gesù: nella sua vita terrena si è preso cura di noi, ha passato per noi la notte della passione, durante la quale ci ha salvati. Il mattino di Pasqua risorge e torna al Padre. Ci ha condotti all’albergo-comunità cristiana, che accoglie tutti i bisognosi, e ci ha affidati ai pastori, che si curano di noi nel suo nome. Il conto l’ha già pagato lui. I due denari di anticipo sono il dono del Risorto che ascende al cielo e che invia il nuovo Paraclito, il quale anima la sua Chiesa e sostiene i pastori, che a loro volta si fanno prossimo di tutti. Il ritorno del samaritano sarà la festa della pienezza della vita, che ricompenserà in maniera sovrabbondante l’amore speso per i fratelli.

Alla conclusione Gesù rovescia la domanda: non “chi è il mio prossimo?”, ma “chi si è fatto prossimo?”.

La prima domanda porterebbe la risposta che tutti sono il mio prossimo e quindi devo aiutare tutti. Un compito che può sembrare ed è eccessivo, angosciante, ma anche generico.

La seconda domanda, quella più coerente col vangelo, ci chiede di chi noi vogliamo e decidiamo di farci prossimo e ci invita a guardare attentamente e concretamente le persone che incontriamo ogni giorno lungo la nostra strada e a domandarci se hanno bisogno di noi e cosa possiamo fare per loro. Il vangelo, quindi, chiede che noi ci facciamo ‘prossimo’, cioè colmiamo la distanza che ci separa da loro, e ce ne prendiamo cura, secondo le nostre possibilità.

Il «Va’ e anche tu fa’ così» non è un peso moralistico, ma l’offerta di una strada già tracciata da Cristo, la quale progressivamente, passo dopo passo, conduce alla somiglianza con lui.

Spunti per la meditazione e la preghiera personale

  1. Siamo noi l'uomo derubato della vita che il Signore ha raccolto, curato e salvato. Nella nostra superficialità spesso ce ne dimentichiamo e non ringraziamo abbastanza della vita nuova che ci è stata donata.
  2. Alcuni battezzati, che si dicono cristiani e partecipano ai sacramenti, derubano i fratelli e le sorelle della dignità, del salario dovuto per il lavoro, della buona fama, e lasciano loro soltanto una briciola di vita. Hanno una coscienza addormentata, drogata o corrotta.
  3. Siamo stati salvati, quindi è giusto che anche noi diventiamo un po' 'salvatori'. Non è tanto difficile, basta avere compassione, farsi 'prossimo' di chi soffre, caricarlo sulle spalle e spendere tempo e denaro per curarlo. Nessuno è così povero da non poter aiutare un bisognoso. Anzi, i poveri spesso sono i più capaci di compassione attiva.
  4. L'albergo è la comunità cristiana. I vescovi, i preti e i diaconi hanno maggiore responsabilità, ma non sono da soli. Insieme non solo possiamo fare molto di più, ma diventiamo una vera e autentica comunità di fratelli, come la voleva Gesù.

Proposta di impegno

Apriamo gli occhi e riscaldiamo il cuore per accorgerci e avere compassione dei fratelli feriti.

Associazione C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Bari

via Isonzo, 120  - BARI
via Concilio Vaticano II, 24
bari@animare.it
bari@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Rinalducci, 30
fano@animare.it
fano@animare.it

Questo sito utilizza cookie atti a migliorare la navigazione degli utenti.
Chiudendo questo banner tramite il pulsante "ACCETTA" e proseguendo la navigazione sul sito se ne autorizza l'uso in conformità alla nostra Cookie Policy