Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Marco 28, 16-20
 

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Parola del Signore.


Domande

Quale monte? Non poteva dirlo san Matteo? E poi, perché i discepoli si prostrano? non mi pare che avessero mai salutato Gesù così... e dubitano: di cosa? Anche loro, sempre incerti, sempre dubbiosi... Però è bello che Gesù li mandi per il mondo e dica che sarà sempre con loro... vuol dire pure che è sempre con me, anche quando non lo sento? I miei professori non sono così e neanche i catechisti, se devo dire...

Risposta

Metti a paragone professori e catechisti con Gesù… non ti sembra un po’ eccessivo? È vero che almeno i catechisti dovrebbero somigliargli di più, ma io mi accontenterei che tutti si sforzino di essere coerenti con ciò che dicono di credere e che si impegnano ad insegnare. Ma veniamo al vangelo. Non viene nominato il monte su cui Gesù dà appuntamento. Evidentemente Matteo non considera importante il nome, ma proprio il fatto che sia un monte. Infatti nel suo vangelo diverse volte evidenzia i monti. Questo perché presenta Gesù come il nuovo Mosè, il quale ha avuto le esperienze più importanti con Dio e con il popolo su dei monti. Il primo grande discorso, quello delle beatitudini, con il quale Gesù promulga la nuova legge, avviene sulla montagna. Perciò l’inizio della missione degli apostoli, che continuano quella di Gesù, avviene pure su una montagna. E perché in Galilea? Perché Matteo vuole sottolineare che, mentre all’inizio la missione di Gesù e dei discepoli è rivolta al popolo di Israele, ora questa missione deve raggiungere tutti i popoli proprio dalla Galilea, che era la regione della Palestina in cui erano mescolati ebrei e pagani. Non meravigliarti che gli apostoli dubitano. Anzitutto, non è chiaro dal testo il contenuto del dubbio; probabilmente Matteo vuol dire che alcuni apostoli in quel momento non sapevano bene se considerare Gesù uguale a Dio (questo significa inginocchiarsi davanti a lui) oppure no. In ogni caso l’evangelista ci fa capire che neanche l’essere apostoli cancella tutti i dubbi. Anzi, anche chiunque crede sinceramente, di tanto in tanto, viene assalito da dubbi. I dubbi non sono contrari alla fede, ma chi è sincero, affrontandoli, se ne può servire per fare diventare la propria fede più consapevole e più forte. E arriviamo alla parte più bella: la promessa di essere con loro tutti i giorni, fino alla fine. Qui la promessa è fatta agli apostoli in vista della loro missione, ma già prima Gesù aveva promesso di essere presente nelle comunità cristiane, anche piccole (“dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro” Mt 18,20). E se uniamo Matteo a Giovanni, sappiamo bene che Gesù ha promesso di ‘abitare’ in ogni persona che crede in lui e ama i fratelli. Tu sai bene che Gesù mantiene le sue promesse, perciò non preoccuparti se a volte non ‘senti’ la sua presenza: ciò che importa non è ‘sentire’ Gesù (la fede non è un’emozione) ma vivere il vangelo e allora puoi essere sicuro che lui è con te, anzi ‘abita’ in te e tu non sei mai solo. Buona festa del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.

Buona domenica. 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni