Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Giovanni 15, 26-27; 16, 12-15
 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio. Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà».

Parola del Signore.


Domande

Sì vabbè, Gesù oggi parla per enigmi, non vuole farsi capire! Lo Spirito dà testimonianza e i discepoli danno testimonianza: e allora che differenza c'è? e poi ha tante cose da dire però non le dice, poi viene lo Spirito e non parla "da se stesso": e che significa? annuncerà "cose future", ma quali? e quali sono le "cose" di Gesù che deve annunciare? E poi: "prenderà da quel che è mio"... che vuol dire? e che c'entra il Padre? Come faccio ad accorgermi di cosa fa lo Spirito? Guarda DonS, a volte mi scoraggio, penso che Gesù non parla a me...

Risposta

Credo che la reazione dei discepoli a questo discorso di Gesù non sia stata molto diversa dalla tua, neanche loro hanno capito… ma dopo la Pentecoste sono cambiati dentro, e si è visto, eccome! Avevano paura e sono diventati coraggiosi, non avevano capito e ora, anche confrontandosi tra loro, capiscono tutto quello che riguarda Gesù e la salvezza dell’umanità, avevano dubbi su come dovevano agire e parlare, ora sono sicuri… A partire dalla loro esperienza hanno visto chiaramente che si sono realizzate tutte le promesse di Gesù. Ma ora cerchiamo di capire un po’ di più anche noi. La testimonianza. Non c’è differenza tra quella dello Spirito e quella degli apostoli. Il mondo deve sapere che Gesù è davvero morto e risorto per salvare gli uomini e per renderli figli di Dio. Dopo la partenza di Gesù, sarà compito dello Spirito Santo far arrivare questa bella notizia (= vangelo) a tutto il mondo. Chi non ha visto e sentito Gesù e non sa cosa ha fatto, ha bisogno che qualcuno glielo racconti, quindi dei testimoni credibili. Lo Spirito Santo renderà visibile la sua testimonianza su Gesù attraverso la parola e la vita degli apostoli e di tutti quelli che credono in Gesù, anche di noi. Perché Gesù non dice ‘tutto’ agli apostoli? La passione di Gesù sarà un colpo tremendo per loro, la loro fede vacillerà, tutti scapperanno, uno lo rinnegherà tre volte… Ma quando vedranno Gesù risorto e riceveranno il dono dello Spirito Santo, allora saranno trasformati e saranno disposti e capaci a comprendere tutto quello che servirà loro per lanciarsi nel mondo a proclamare il vangelo e per affrontare tutte le fatiche e le persecuzioni. Sarà lo Spirito Santo attraverso la preghiera, le visioni, i sogni, le ispirazioni interiori, a far comprendere tutto questo. Sarà lui a preannunciare le difficoltà e le persecuzioni che dovranno subire. Se leggi gli Atti degli Apostoli, vedi che queste cose si realizzano nell’esperienza soprattutto di Pietro e Paolo. “Prenderà da quel che è mio”. Lo Spirito Santo non aggiungerà nulla a quello che Gesù ha già rivelato con la sua parola e la sua vita. Infatti il Padre ha affidato a Gesù la missione di salvare l’umanità e far conoscere al mondo il suo amore di Padre che vuole fare dell’umanità la sua famiglia per tutta l’eternità. Il compito dello Spirito verso gli apostoli e verso ciascuno di noi è quello di far capire fino in fondo quello che Gesù è, quello che ha insegnato e quello che ha fatto; non solo, ma anche di dare a tutti la forza di vivere da figli di Dio, perché con le nostre sole forze non ne siamo capaci. Il Padre. C’entra, perché lui è l’origine di tutto. Lui ha dato tutto se stesso al Figlio, il quale da sempre ricambia l’amore del Padre e ha accettato di incarnarsi proprio per far conoscere a noi fino a che punto siamo amati dal Padre e da lui. E, siccome il Padre e Gesù sono perfettamente uniti nello Spirito Santo, tanto da fare una cosa sola, tutto ciò che riguarda la rivelazione e la salvezza la fanno tutti e tre insieme, in modi diversi. Infatti, il Padre è l’origine di tutto, il Figlio si è incarnato, è morto ed è risorto, lo Spirito ci fa diventare e ci fa vivere da figli di Dio. Come me ne accorgo? Se ci credi alla parola di Gesù, sai bene che tutte le volte che vivi da cristiano e fai le cose da cristiano, stai rispondendo bene all’ispirazione che viene dallo Spirito Santo e quindi liberamente ti stai facendo guidare da lui. Ti auguro di accorgertene ogni giorno. Buona Pentecoste, la festa del dono dello Spirito a tutta la Chiesa e a ciascuno di noi.

Buona domenica. 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni