Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Giovanni - 15, 1-8
 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Parola del Signore.


Domande

E' un bel brano, questo, mi piace molto, ma cosa vuol dire Gesù quando dice "rimanete in me"? che significa? e come si fa? Vorrei essere amica sua, ma a volte credo che chieda troppo, io ho tante cose da fare, tanti amici con cui stare...

Risposta

Anche a me piace molto questo brano, anzi, tutto il capitolo 15 del vangelo di Giovanni. Ogni volta che lo leggo scopro qualcosa di nuovo. E oggi le tue domande mi obbligano a vedere le parole di Gesù sotto una luce nuova. La metafora della vite e dei tralci credo che per te sia molto chiara, perciò non la riprendo. Ti faccio notare però che in questi 8 versetti le parole più ripetute sono: il verbo ‘rimanere’ 7 volte, poi ‘portare frutto’ 6 volte e ‘tralcio’ 5 volte. Comincio dal tralcio. È chiaro che per il cristiano l’essere ‘innestato’ in Cristo è questione di vita o di morte e l’innesto avviene con il battesimo. Gesù ci invita a renderci conto che attraverso lui noi riceviamo la vita stessa di Dio; se ci stacchiamo, perdiamo quella vita. Portare frutto. In pratica l’evangelista sottolinea che l’amore del cristiano non si ferma a lui in un godimento egoistico e fine a se stesso, ma è fecondo, produce frutti buoni per gli altri, e il frutto è solo uno: l’amore per i fratelli, come ha amato Gesù, fino alla capacità di dare la propria vita per gli amici. E arriviamo a ‘rimanere’. Il verbo greco utilizzato si può tradurre anche con ‘abitare’. Con questo verbo Gesù indica che il rapporto di amore tra lui e noi è intimo e totale: lui ‘abita’ in noi e noi ‘abitiamo’ in lui. Questa immagine dice sicurezza, rifugio, riposo, intimità, ospitalità, accoglienza incondizionata, amore fraterno e filiale, convivialità, scambio di vita e di amore… È un rapporto davvero speciale, unico… non è esagerata l’impressione che Gesù chieda troppo. Io però direi che chiede ‘tutto’. Non ti spaventare. Mi spiego. L’amore che lui chiede è anzitutto risposta all’amore che lui dà, perché lui è capace di dare tutto se stesso a ciascuno di noi, e poi è un amore che non si ferma a lui, ma si diffonde e attraverso lui raggiunge tutte le persone che incontriamo. È come se Gesù dicesse: se tu mi ami, dandomi tutto te stesso, sarai capace di amare davvero anche tutti gli altri. Perciò Gesù non ti toglie né il tempo né la gioia di fare tante cose e di stare con gli altri, ma ti dà un modo nuovo di vivere e di amare. Come si fa ad abitare in Gesù? Gesù aveva risposto già nel capitolo precedente: abita in lui chi crede in lui e ama i fratelli: tutto qui. Difatti chi crede in lui e ama gli altri diventa come lui e quindi può condividere la propria vita con lui. Io credo che tu già abiti in Gesù, oggi ti viene chiesto solo di esserne più consapevole.

Buona domenica. 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni