Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca - Lc 1, 26-38
 

In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Parola del Signore.


Domande

Vergine e madre... come dice la Divina Commedia. Ma come sarà stato possibile? So che è un mistero: se voglio credo, altrimenti no… Beh, io ho deciso di crederci. Ma mi chiedo: perché Dio ha scelto Maria per far nascere Gesù? cosa avrà provato Maria? e cosa avrà sentito? Davvero sarà sceso un angelo a parlarle? e com'è un angelo? E com'è che Dio le manda gli angeli a dirle cosa fare e io invece penso e ripenso e non so mai trovare soluzione ai miei problemi? Dio fa preferenze forse?...

Quasi quasi non vado a messa domenica prossima...

Risposta

Alcune delle tue domande, per ora, sono senza risposta. Ma le domande senza risposta, alla fin fine, credo che non tocchino l’essenziale della vita e della fede. E allora diventano curiosità... che non sempre hanno una risposta soddisfacente…

Parlando della nascita di Gesù, i vangeli non scendono in alcuni particolari che potrebbero soddisfare la nostra curiosità, ma vanno davvero all’essenziale.

I punti di riferimento che dobbiamo avere sono tre: il primo è la morte e risurrezione di Gesù, perché la Chiesa primitiva ha capito tante cose di Gesù a partire da quello che è successo al mattino di Pasqua; il secondo è il Primo Testamento, perché gli evangelisti ci tengono a dimostrare che con Gesù si sono realizzate le parole degli antichi profeti; il terzo è il racconto di Maria, la quale sicuramente ha raccontato ai primi cristiani la sua esperienza di madre del Messia.

Maria era una ragazza normale, ma eccezionale per l’amore a Dio e per l’obbedienza alla sua volontà. Possiamo pensare che Dio l’ha scelta per questo, le ha fatto doni speciali, ma lei ha risposto con tutta se stessa.

Se ci pensi, sicuramente riconoscerai che Dio si fa presente in molti modi alla vita di ciascuno di noi, per farci conoscere la sua volontà. A volte gli angeli che ci manda sono le persone che ci vogliono bene e hanno il compito di educarci nella fede, purtroppo ci capita di non capirli e ascoltarli.

Nel Primo Testamento gli avvenimenti eccezionali, e specialmente alcune nascite, sono annunciate dagli angeli. I quali si presentano come inviati di Dio, che assumono aspetto umano per poter essere riconosciuti e compresi dalle persone a cui sono inviati, ma la Bibbia non ci dice come sono, quando non si presentano agli uomini.

Maria doveva dire il sì più assolutamente decisivo per la storia, la vita e la salvezza di tutta l’umanità, per questo Dio ha utilizzato con lei un modo eccezionale per presentare la sua proposta. Lei ha avuto così la possibilità di fidarsi in una situazione umanamente incredibile: diventare madre del Messia senza l’intervento di un uomo.

Ma perché vergine e madre? Proprio perché Gesù doveva essere nello stesso tempo un uomo come noi, quindi doveva nascere da una donna, ma anche il Figlio di Dio, quindi doveva esserci l’intervento diretto di Dio e non di un uomo, altrimenti Gesù sarebbe stato soltanto uomo e quindi incapace di essere il salvatore dell’umanità.

Maria e Giuseppe questo hanno cominciato a capirlo da subito, ma tutti gli altri lo hanno compreso dopo la risurrezione di Gesù, solo allora è stato possibile per loro capire il modo straordinario con cui Gesù era stato concepito nel grembo di Maria.

Il Figlio di Dio e l’uomo Gesù, perciò, doveva nascere da una vergine-madre, come aveva profetizzato in modo misterioso Isaia e come ha espresso chiaramente Dante, che in tante sue terzine si rivela il più grande poeta-teologo, nella Divina Commedia.

Maria ha raccontato la sua esperienza agli apostoli, gli evangelisti, però, non ci hanno trasmesso le sue parole. Per raccontare gli avvenimenti hanno utilizzato il linguaggio della Bibbia, in modo tale che i lettori comprendessero che nell’esperienza di Maria e di Giuseppe davvero aveva agito Dio in prima persona. Usare il linguaggio biblico e le profezie antiche era il modo migliore per far comprendere che il tutto era opera di Dio.

Per concludere: veramente Dio si è rivelato a Maria e le ha fatto l’invito a diventare madre del Messia, veramente Gesù è figlio di Dio e di Maria, tutto questo si è visto con chiarezza con la sua morte e risurrezione. Questo interessa e ci basta per la nostra fede. Per i particolari dobbiamo avere la pazienza di aspettare, quando arriveremo in Paradiso.

Buona domenica. 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni