Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo 16, 21-27

In quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!». Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni».

Parola del Signore.

 

Commento

Gesù, che Pietro, portavoce degli apostoli,  ha riconosciuto come Messia, gli ha detto che in lui haParlato il Padre stesso. Ma la certezza, che il Messia sia vincitore e restauratore del grande regnodi Davide, è presente e permanente nei discepoli. Gesù allora inizia la sua catechesi per aiutare isuoi amici a vedere il vero volto del Messia: rifiutato, crocifisso, ma risorto il terzo giorno. I cristiani di tutti i tempi devono scontrarsi con lo scandalo della morte di Gesù. E l'evangelistaMatteo si preoccupa di 'evangelizzare' correttamente i cristiani ex-israeliti, perché devonoabbandonare definitivamente l'idea del Messia trionfatore sui nemici di questo mondo e accoglierela realtà del Figlio di Dio che offre la sua vita per salvare l'umanità, secondo il progetto di amore delPadre. Pietro allora qui rappresenta non solo gli apostoli, ma i cristiani di tutti i tempi. Sono passati pochi 'minuti' dalla ispirazione divina e Pietro, convinto di dire una cosa sacrosanta, viene apostrofato come 'satana'. Non è più il Padre ad ispirarlo, ma l'avversario, che lo porta a ragionare secondo i criteri della potenza di questo mondo. E quanti sono i cristiani che nella storia hanno rimproverato Gesù Cristo di non esercitare la sua potenza, per convertire il mondo intero, debellare i malvagi e offrire ai suoi fedeli una vita senza problemi troppo grossi? Così Matteo allarga il discorso e fa dire a Gesù che non lui soltanto attraverserà la persecuzione e la morte, ma tutti coloro che decidono di seguirlo. La croce è bagaglio normale per tutti e vaabbracciata (non va cercata... arriva). L'alternativa è una sola: chi accoglie la croce e la porta dietroa Gesù, salva la propria vita in eterno, chi la rifiuta, può anche conquistare il mondo  intero, maperderà se stesso e la vita eterna.Gesù indica a Pietro e a noi una scelta di umiltà, che è verità: «Va’ dietro a me...», significa: “nonpuoi starmi  davanti; non venirmi a portare la mentalità di chi vuol vincere con la forza; metti i piedisulle mie orme. E allora, come io davanti alla croce, anche se ho provato paura, mi sono messo completamente nelle mani di mio Padre, così anche tu, nel momento della tua croce, anche se non vedi chiaro, anche se non stai capendo perché, anche se ti sembra che tutto sia perduto, affidati al Padre e vedrai la risurrezione e la vita”.

 

Spunti per la meditazione e la preghiera personale

  • Frequentando la parola di Dio, possiamo subire la tentazione dell'orgoglio spirituale, sentirci 'ispirati' e adattare l'insegnamento di Gesù alle nostre vedute. Proprio come Pietro, che ha preteso di spiegare a Gesù il progetto di Dio.

  • «Va’ dietro a me...». Quante volte abbiamo avuto la presunzione di stare davanti a Gesù, di indicare a lui cos'era buono per noi. Se vogliamo essere noi a tracciare il cammino della salvezza, presto ci ritroveremo fuori strada e da soli.

  • «Quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita?». Sicuramente noi non abbiamo l'ambizione di guadagnare “il mondo intero”, però basta mettere i nostri piaceri o interessi davanti al vangelo, per perdere tutto.

  • «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso...». Può dare fastidio la parola 'rinneghi', ma significa semplicemente: 'non pensi a se stesso', cioè, 'non metta se stesso davanti agli altri e davanti a Dio'. È il superamento dell'egocentrismo che facilmente diventa egoismo e rifiuto di Dio.

 

Proposta di impegno

  • Mettiamo in pratica una parola di Gesù, che ultimamente abbiamo messo da parte.

 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni