Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo 17,1-9

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui.
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo».
All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.
Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Parola del Signore.

 

Commento

Abbiamo già ascoltato questo brano nella seconda domenica di Quaresima. Ora proviamo a concentrarci sull'esperienza di Pietro, che può arricchire la nostra preghiera e la nostra vita spirituale.
La sua frase «Signore, è bello per noi essere qui!» in effetti si presta a essere interpretata come il desiderio di prolungare un momento bellissimo e per questo si presta a qualche osservazione critica. Comunque rimane bella. Nel suo entusiasmo genuino, umano, egli esprime un sentimento che anche noi proviamo quando facciamo un'esperienza bella, specialmente quando è inaspettata.
Forse siamo stati educati a guardare specialmente le cose che non vanno in noi, negli altri, nelle situazioni e poi, in secondo ordine, a pensare a quello che possiamo e dobbiamo fare per migliorare. Non basta, è possibile che anche noi abbiamo trasmesso in qualche modo ai giovani questo tipo di educazione. Invece, la sua frase ci fa riscoprire che è un modo parziale di vedere la vita e il rapporto con il Signore, anzi a volte può essere anche fuorviante.
Oggi san Pietro ci invita a guardare tutte le cose belle che il Signore ci ha fatto sperimentare nel passato e quelle che ci sta offrendo nel presente. La luce della trasfigurazione, che egli ha visto quel giorno sul Tabor, è diventata permanente con la risurrezione di Gesù e neanche le ombre delle debolezze o le tenebre del peccato, possono offuscarla o, tanto meno, spegnerla. E se abbiamo gli occhi buoni, possiamo vederla in noi, nei nostri amici, nei poveri, nelle situazioni in cui il Signore ci conduce.
Ringraziamo, san Pietro, per la sua reazione spontanea. Chiediamogli di insegnarci a farla nostra e a dire spesso a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui, in tua compagnia, insieme ai nostri fratelli, mentre condividiamo il cibo della tua Parola e quello dell'Eucaristia».

 

Spunti per la meditazione e la preghiera personale

  • Certamente Pietro, Giacomo e Giovanni non sapevano cosa li aspettava sul Tabor. Si sono fidati e hanno seguito Gesù. Anche noi, mentre affrontiamo una salita difficile nella nostra vita, non sappiamo cosa ci aspetta 'dopo'. Se ci fidiamo di Gesù e stiamo seguendo lui, sicuramente vedremo la luce della risurrezione, che ci ripaga di ogni fatica e sofferenza.

  • Nel nostro cammino spirituale abbiamo fatto diverse esperienze belle e avremmo voluto fermarci lì. Il Signore invece ci invita a scendere dal Tabor per accompagnarlo nella vita quotidiana e nella passione.

  • «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo». Avevamo già sentito queste parole durante il Battesimo al Giordano. Qui è aggiunto il comando di ascoltare Gesù. Ci viene abbastanza facile quando Gesù ci dice cose belle; è un po' più difficile quando ci parla della sua e della nostra passione.

  • Il sole di agosto può scottare la pelle. La luce di Gesù penetra nel profondo senza ferire, illumina senza accecare, riscalda senza bruciare e infonde l'energia di cui abbiamo bisogno, per seguirlo sulle strade del mondo, fino alla nostra passione e risurrezione.

 

Proposta di impegno

  • Stare un po' più a lungo a conversare con Gesù della nostra vita e della nostra missione.

 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni