Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Matteo 3, 13-17

In quel tempo, Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui. Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: «Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?». Ma Gesù gli rispose: «Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia». Allora egli lo lasciò fare. Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento».

Parola del Signore.

 

Commento

Per i tre vangeli sinottici il battesimo del Signore al Giordano è l’inaugurazione ufficiale della missione messianica e la manifestazione solenne di Gesù come Figlio di Dio, mosso dallo Spirito Santo. Semplice come fatto, ma complesso per il significato teologico, questo brano rivela anche un problema affrontato dalla prima Chiesa: il rapporto tra Gesù e il Battista.
Alcuni ritenevano che Giovanni fosse il messia, ma Gesù era morto e risorto e i cristiani non avevano dubbi. Il battesimo al Giordano però era un fatto. Cosa significava?
Il primo a riconoscere che Gesù non aveva bisogno del battesimo è lo stesso Battista, che anzi esprime il bisogno e il desiderio di essere battezzato da lui nello “Spirito Santo e nel fuoco”. Ma Gesù non lo battezza e insiste. Giovanni si lascia convincere per realizzare ‘la giustizia’ cioè per obbedire a Dio. Gesù allora, facendosi battezzare, sta realizzando la volontà del Padre.
In che senso? Gesù inaugura la sua missione che si completerà sulla croce, quando prenderà come suo il peccato del mondo e, sacrificando la sua vita, otterrà per l’umanità il perdono e la salvezza. Nella scena del battesimo questo viene annunciato e anticipato. Gesù dice al Padre: “Sono disposto a prendere su di me i peccati dei miei fratelli”. Per questo lui, innocente, si sottopone ad un battesimo finalizzato alla conversione e al perdono dei peccati.
Così Matteo dimostra la superiorità di Gesù sul Battista, proclama l’avvio della missione messianica e annuncia la liberazione dal peccato.
Rimane da dire chi è Gesù. Ci pensa direttamente il Padre: “Sono divinamente felice che tu sia il mio amatissimo Figlio unigenito e che, innocente, ti sia prestato per salvare gli altri miei figli, peccatori, mostrando a tutti il mio amore per loro e per te”. È una voce che scende dal cielo, realizza pienamente una parola di Isaia e sarà compresa solo dopo la risurrezione.
I cieli si aprono: erano chiusi per il peccato del mondo e, in particolare, di Israele. Così viene manifestata la volontà di Dio di unire cielo e terra, per sempre, nella persona del Figlio, perché lui è figlio dell'uomo e figlio di Dio, in lui cielo e terra sono uniti indissolubilmente.
Non poteva mancare in questa scena lo Spirito Santo, simboleggiato in maniera molto semplice da una colomba che può richiamare quella che dopo il diluvio annuncia l’inizio di una nuova creazione. La vera e definitiva nuova creazione è inaugurata ora da Gesù, inviato dal Padre e animato dallo Spirito, e sarà completata nel mattino di Pasqua.

 

Spunti per la meditazione e la preghiera personale

  • Gesù prende su di sé i nostri peccati e li immerge nel Giordano, in attesa di portarli sulla croce. Egli desidera che noi glieli consegniamo, che ce ne stacchiamo, perché, grazie a lui, noi diventiamo liberi nello spirito per compiere la volontà di Dio Padre, che ci vuole figli suoi.

  • Gesù porta i nostri peccati e ci salva. Anche noi possiamo portare i peccati dei nostri fratelli. In ogni caso ne subiamo le conseguenze. Se accettiamo di portarli con pazienza e amore, diventiamo collaboratori di Gesù per la salvezza dei fratelli.

  • I cieli sono aperti e non si chiudono più. Non c'è situazione personale o sociale che possa far pensare a un ritiro di Dio. Tocca alla Chiesa e a noi cristiani mostrare visibilmente all'umanità la presenza del Padre, di Gesù e dello Spirito in questo nostro mondo.

  • Ci piacerebbe sapere se il Padre è contento di noi? Se lo desideriamo davvero, troveremo la risposta mettendoci per qualche tempo di fronte a Gesù crocifisso.

 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni