Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download

 

VANGELO

Dal Vangelo secondo Luca 3,10-18

In quel tempo, le folle interrogavano Giovanni, dicendo: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare, faccia altrettanto». Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe». Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile». Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.

Parola del Signore.

 

Commento

Continua la predicazione del Battista, per preparare “un popolo ben disposto” alla venuta del Messia. Nei versetti precedenti aveva smontato la presunzione degli appartenenti al popolo eletto che, nonostante la predicazione di Geremia sull’effimera sicurezza offerta dalla presenza del Tempio del Signore, ancora presumevano di essere comunque giusti in quanto discendenti di Abramo. Con dura chiarezza aveva affermato che senza una conversione del cuore, reale e visibile, non potevano sperare nella salvezza. È stato così convincente che gruppi di persone si sono presentati con una domanda decisiva e molto concreta: “Che cosa dobbiamo fare?” Una domanda che esprime il riconoscimento di essere peccatori, di non conoscere la strada da percorrere, di avere bisogno di un ‘maestro’ che indichi la via, di essere disposti a ‘fare’ il necessario per convertirsi. E Giovanni risponde anche lui concretamente.
A tutti indica la strada del recupero della fraternità (per Luca è universale e non limitata a Israele) che si traduce in condivisione dei beni posseduti e suppone il superamento della paura di diventare poveri con la fiducia in Dio che provvede ai suoi figli (senza una vera comunità questo non si può realizzare).
Ai pubblicani non chiede di lasciare il loro mestiere di ‘scomunicati’, ma ‘solo’ di riscuotere le tasse stabilite per legge.
Anche ai soldati non chiede di cambiare mestiere, ma ‘solo’ di non approfittare della loro posizione di forza e di pratica impunità per derubare, terrorizzare e violentare le persone cui dovrebbero assicurare la sicurezza promessa dalla legge.
Queste tre indicazioni potrebbero far pensare: “chiede troppo poco”; e in realtà chiedono il recupero di virtù semplicemente umane (che già non sarebbe 'poco', anche oggi, e anche tra chi si dice 'cristiano'). Ma il Battista non è il Messia. Il suo compito è di indicare alla gente come prepararsi ad accoglierlo, togliendo gli ostacoli interiori (i colli da spianare e i burroni da colmare). Quando verrà Gesù porterà l’annuncio di una vita nuova in una predicazione più esigente (ma anche più misericordiosa). Di questo Giovanni è perfettamente consapevole e lo afferma con decisione a chi pensa che possa essere lui il messia: Egli viene e si manifesterà presto, è più ‘forte’, porterà un altro ‘battesimo’, che non realizza solo la conversione ma l’appartenenza al popolo della Nuova Alleanza animato dallo Spirito Santo e che riceverà in dono la stessa vita di Dio, nello Spirito. È questa la bella notizia che Giovanni porta a tutto il popolo in attesa del Messia e della sua salvezza.

 

Spunti per la meditazione e la preghiera personale

  • Giovanni punta al recupero della fraternità e del rispetto tra gli uomini. Gesù è l'uomo pienamente umanizzato. La Chiesa ha ricevuto questa eredità, per questo ha pure il compito di rendere sempre più 'umano' il mondo. Sa bene che deve cominciare ogni giorno da se stessa. Se noi, cristiani, cresciamo in umanità, la strada del vangelo si fa più agevole e credibile per le persone che incontriamo.

  • Oggi dal Battista si presentano i medici, gli imprenditori, i dipendenti, i genitori, i giovani, i ragazzi... e gli chiedono: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Se la domanda è seria, certamente lo Spirito Santo susciterà dentro ciascuno la risposta, per camminare verso la pienezza umana e cristiana e incontrare il Signore che salva.

  • Le risposte di Giovanni portano nella nostra vita ordinaria lo straordinario della semplicità, di un gesto gratuito, di un sorriso, di un cuore che cerca e diffonde la pace. Sciogliamo i nodi e le rabbie che abbiamo nel cuore. E preghiamo: perché ciò che sembra impossibile agli uomini è possibile a Dio.

  • Il Battista evangelizza e minaccia, due verbi un po' in contrasto tra loro. Gesù non minaccia, ma rivela la verità dell'uomo e dell'esito delle sue scelte in questa vita e nell'altra. Il vangelo di Gesù non vuole suscitare paure, ma mi invita ad accogliere la verità e a cambiare modo di pensare e di vivere, per rendere più bella la mia vita e quella degli altri.

 

Associazione di Volontariato C.A.Sa.

Aperta ogni giorno dal martedì al sabato dalle ore 20.30 alle ore 22.00

Lecce

via Cosimo De Giorgi, 81
via Cosimo De Giorgi, 81
0832.394656
+39 0832 394656
casa@animare.it
casa@animare.it
casa.associazione@pec.it
casa.associazione@pec.it
CF
CF: 93037150757
Iban
Iban: IT56K0103016004000009303895

Bari

via Isonzo, 120 - BARI
via Isonzo, 120
080.3219316
+39 080 3219316
bari@animare.it
bari@animare.it

Santeramo

via Lecce, 45
via Lecce, 45
080.3022119
+39 080 3022119
casa.santeramo@animare.it
casa.santeramo@animare.it

Fano

via Cesare Battisti
via Edmondo De Amicis, 11
fano@animare.it
fano@animare.it

Ciao, noi usiamo i cookie per offrirti un'esperienza di navigazione migliore.
Navigando sul nostro sito accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Per maggiori informazioni